Team italiano di sviluppatori | Pubblichiamo ogni giorno per te

Team italiano di sviluppatori | Pubblichiamo ogni giorno per te

CANZONI DA PARACADUTISTI SCARICA

Posted on Author Samudal Posted in Internet


    Contents
  1. Preghiera del Paracadutista - Folgore
  2. Lista di gridi di guerra
  3. Menu di navigazione
  4. Canto della Russia Bianca

__clicca sul titolo per scaricare le canzoni (non tutte) oppure tasto destro . E gira gira l'elica romba il motor siam paracadutisti si vince o si muor, gente che siam paracadutisti o si vince o si muor, scendiamo giù dal cielo per fare all'amor. Musica. Da questa sezione, potrete scaricare i file mp3 e i testi delle nostre canzoni, oltre ad alcune partiture, utili a chi è “del mestiere”. PARTITURE. Download. SCARICA - DOWNLOAD. VIDEO Raduno Paracadutisti Folgore del Centenario discorso del Gen C.A. BERTOLINI COME FOLGORE DAL CIELO CANZONE-DEL-MERCENARIO. Al fine di fornire la migliore esperienza online. Folgore: Canti ed inni dei paracadutisti Come folgore dal cielo. Folgore: Canti ed inni dei paracadutisti Paracadutista tu. Folgore: Canti ed inni dei.

Nome: canzoni da paracadutisti
Formato:Fichier D’archive
Sistemi operativi: MacOS. Android. iOS. Windows XP/7/10.
Licenza:Solo per uso personale
Dimensione del file: 33.54 Megabytes

Farai 20 minuti di lezione a terra e poi solo tu, il volo e l'istruttore a cui sarai saldamente allaciato: quasi metri dicaduta libera e poi, ancora, minuti veleggiando nel cielo e ammirando il panorama. Un'esperienza che porterai sempre con te. Non è necessaria alcuna esperienza! E' il modo più semplice e rapido per avvicinarsi al paracadutismo sportivo. Con soli 20 minuti di preparazione effettuata direttamente in aeroporto, avrai la possibilità di provare un lancio in tandem da oltre metri di altezza.

Più delle malattie. Più del nemico. Di nessuno risulta l'appartenenza al partito fascista.. Ecco l'argomento di questo "pezzo" che ci invia un giornalista professionista, redattore di un Giornale nazionale , oltrechè collaboratore entusiasta del nostro sito.

Preti la cui unica colpa era quella, talvolta, di non negare i sacramenti ai ragazzi della RSI, o di tentare mediazioni tra bande di partigiani ed appartenenti alle varie formazioni militari impegnate sui territori. Alla fine dell'articolo il lungo elenco dei Sacerdoti tucidati. Una vergogna nazionale a cui pochi vogliono restituire giustizia. Nessun processo, se non qualche farsa, e molte pavide e colpevoli omissioni hanno costellato gli anni successivi, sino al silenzio. Gli ultimi Preti sono stati uccisi tra la fine del 46 e l'inizio del La guerra era finita da tempo, ma le bande di partigiani continuavano ad uccidere nell'indifferenza generale.

Non è casuale che di questi tempi il Papa richiami i Cristiani a testimoniare senza paura la Fede a coloro che vorrebbero nuovamente anNientare i portatori della Croce.

Il 22 Dicembre è morto in Ospedale a perugia l'art par di El Alamein Gaetano Pinna , di cui potete trovare in questa sezione alcuni scritti e le poesie sui paracadutisti che aveva raccolto. C'è qualcosa nelle date che non coincide e che fa riflettere. Ce ne parla Emilio Camozzi.

Una proposta volutamente polemica, nel senso migliore della parola, per aiutare il Museo : qualche rimborso di meno, magari pure un paracadute non acquistato, pur di terminare e seguire il Museo.

Preghiera del Paracadutista - Folgore

Leggete tutto l'articolo. Emilio Camozzi, che ringraziamo, l'ha ricevuta da un suo Camerata , Giuseppe Rebaudengo. E' stato creato nel , come si intravede dalle annotazioni a penna dell'autore.

Pubblihiamo il toccante discorso del Generale Costantino, pronunciato il 30 Setetmbre , data della sua cessione del Comando al gen Satta. Parole cariche di significato che ci rivelano un Comandante profondamente innamorato della "sua" Brigata, mentre traccia un bilancio della Sua carriera militare.

L'articolo ripercorre la turbolenta storia del Reparto in quei mesi. Il mo Airborne è in Italia da moltissimi anni e dal a Vicenza. Pubblichiamo un piccolo riassunto della loro storia. Alla caserma Ederle di Vicenza sono anche dislocate due batterie di artiglieri Paracadutisti , dove svolge servizio un nostro caro amico, il Lt art par JJ. Dire quello che si fa e fare quello che si dice.

Ecco il motto dei Paracadutisti della X zona, che hanno mantenuto pe ril quarto anno consecutivo l'impegno di percorrere il cammino dei Paracadutisti del Nembo sui monti di Calabria. Pubblichiamo : la marcia raccontata da un allievo e le immagini delle due intense giornate del ricordo. Riflessioni "fuori dalle righe", oppure saggia consapevolezza del presente??? Il par. Anche Lui come altri Reduci si offrono come garanti del buon esito dei fondi eventualmente raccolti. Un Ufficiale Paracadutista in servizio permanente ha rispolverato il diario della sua missione in Somalia.

Ci ha regalato un racconto veloce e talvolta crudo, come deve essere un diario. Una avvertenza:nelle foto pubblicate a commento del pezzo non compare l'autore, e talvolta non si riferiscono al periodo storico mese-anno che il racconto descrive.

Un incidente nel poligono italiano di Nassirya, durante una giornata addestrativa, ha spento la vita di un giovane Sergente Paracadutista Acquisitore Obbiettivi. Abbiamo raccolto moltissimo rimpianto e dolore per la Sua scomparsa. Un ragazzo motivato, orgoglioso del suo Basco Amaranto , additato ad esempio dai Suoi superiori. Un perdita grave, che vogliamo ricordare attraverso le parole di un Tenente Colonnello che ha partecipato ai suoi funerali.

Dopo tante isistenze finalmente Emilio Camozzi ha deciso di mandarci un suo scritto. Pubblichiamo la Galleria fotografica che ritrae i 23 Comandanti della Brigata Paracadutisti Folgore, dalla sua costituzione ai giorni nostri. Furiosi combattimenti, fatica, dolore sono rievocati in un modo "speciale": ripercorrendo a piedi l'itinerario dove si svolse la più sanguinosa e cruenta battaglia: le montagne dello Zillastro. Abbiamo raccolto in questo capitolo tre alcum di foto immagini che raccontano l'avventura dei Paracadutisti Romani da Tarquinia a Livorno , di quelli di Parma, che hanno corso sulla tratta Fidenza Pontremoli , e la giornata del 23 Ottobre alla Vannucci 62mo Anniversario di El Alamein.

Sono presenti in questo ultimo album anche alcune immagini Del Raduno Nazionale.

Un altro racconto inedito del Par Emilio Camozzi, promotore,co-fondatore e redattore del nostro sito. Il Generale Bertolini ,salutando la Folgore per andare a comandare le Forze speciali a Roma, lascia una Brigata operativa,ben addestrata e che gode della considerazione Nazionale e delle forze alleate.

Tre anni di brillanti risultati. Disponibili tutte le foto,raccolte in una galleria. L'evento in sè non è diverso da tante altre cerimonie simili, ma il nostro sito ha intuito che il 29 Luglio la Brigata Folgore ha concluso il poderoso passo in avanti che il br gen BERTOLINI le aveva fatto compiere,dopo gli anni bui, per consegnarla al suo successore in perfetta salute e "pronta". Un altro toccante racconto di Emilio Camozzi. Da leggere.

Abbiamo chiesto ad alcuni Paracadutisti che erano al Check-Poin "Pasta" di descriverci quel giorno. Il comportamento esemplare degli Ufficiali , dei Sottuficiali, degli Incursori e di tutti i Paracadutisti impegnati non è stato mai descritto. Molti episodi di cui siamo venuti a conoscenza saranno pubblicati tra oggi,1 luglio, e domani.. Emilio Camozzi ha tanti pregi: uno di questi è di saper cogliere e trasmettere sensazioni,sentimenti e stati d'animo dei "suoi" Paracadutisti e del nostro ambiente.

Ha firmato un contratto con noi sino al , e lo deve rispettare! La Famiglia Caproni ha rappresentato per la storia dell'Aviazione Italiana e del paracadutismo un pilastro fondamentale. Dall'intervista si traggono alcuni spunti storici inediti sui rapporti con Italo Balbo, "fondatore morale.

Abbiamo otenuto a fatica da Emilio Camozzi un altro ei suoi Racconti di Guerra. Emilio quando scrive è descrittivo, leggero,talvolta sarcastico. Si arriva alla fine del pezzo piacevolmente e con la voglia di leggerne altri.

La sobria cerimonia si è svolta il 16 Maggio, alla presenza del Comandante di Brigata ,Brig. Bertolini e della dirigenza dell'aeroclub. Clikkando sul titolo potrete leggere la commovente motivazione della Medaglia d'Oro al Valor Militare. I Legionari hanno molti punti in comune con i nostri Reduci. Soprattutto quei 62 che a Camerone resistettero a Messicani per undici ore , uccidendone e ferendone altrettanti.

Ecco il racconto che parla dela nascita e delle prime gloriose imprese di questi Combattenti. La Sezione di roma organizza ogni anno la commemorazione della Difesa di Roma.

Con commozione e partecipazione ogni anno i numerosi Paracadutisti Reduci di quelle giornate si raccolgono al Cimitero Monumentale del Verano e poi sui luoghi della Battaglia. Momenti dolorosi, drammatici, carichi di significato, ma ancora avvolti da una nuvola ideologica.

Roma ha gelosamente conservato i Ricordi di quei giorni, contrassegnati da scelte combattenti. Combattere per salvare l'Onore,anche contro un nemico numericamente superiore di dieci-cento volte. Fare la cosa giusta e non la più comoda è la "malattia" dei nostri Reduci, siano essi Folgorini di El Alamein, o "ragazzi" del Comandante Sala. E noi siamo orgogliosi di cercare di essere degni del loro Carattere di Uomini.

Grazie ad Ottaviani riscopriamo una figura pionieristica ed avventurosa di Paracadutista Militare. La sua biografia è un romanzo che Vi invitiamo a leggere. Gaetano Argento fa parte della storia e dei successi del paracadutismo militare e sportivo.

Il programma della manifestazione è nella sezione Paracadutismo dei Gruppi sportivi. Il nostro sito ha coadiuvato un Laureando, Raoul Ravara nella foto il giorno del suo Dottorato nel reperimento di alcune fonti per la preparazione della propria tesi grazie al contatto con la Brigata Folgore. Lo abbiamo aiutato a concludere il lavoro con una intervista ad un Incursore d'eccezione: il Brigadier Generale Marco Bertolini. Il lavoro è ben fatto, documentato ed originale. Dopo aver clikkato sul titolo Vi preghiamo di pazientare alcuni secondi : sono pagine, e di devono caricare.

Al neo- Dottore un augurio di Buon Lavoro , ed un ringraziamento per la copia della Tesi, rilegata in Amaranto!

Lista di gridi di guerra

A grande richiesta pubblichiamo il link ad un sito che raccoglie decine di inni militari di ogni epoca, incluse alcune famose canzoni della folgore, E NON SOLO. Da visitare Una scheggia conficcata all'apice di un polmone acompagna un Folgorino da El Alamein.

Missione: arrivare ad Qaret el Himeimat ai confini delle depressioni d'El Qattara.. Luoghi bagnati dal sangue dei "Ragazzi della Folgore". Un Omaggio ai nostri Caduti ed ai Leoni ancora in vita. Un gruppo di Paracadutisti e di Allievi ha portato a termine una piccola impresa che ogni Folgorino di El Alamein avrebbe voluto fare. Noi lo abbiamo fatto per loro. Un manipolo di Paracadutisti siciliani e calabresi onora ogni anno la Battaglia dello Zilastro, dove la Nembo combattè una sanguinosa e coraggiosa battaglia contro paracadutisti canadesi.

Molti Soldati Italiani erano all'estero il giorno 8 settembre. Alcuni di loro,paracadutisti,dopo avere sopportato i lunghi giorni di El Alamein, erano stati catturati dagli inglesi. Collaborazionisti,non collaborazionisti Alcuni tornarono in Italia alla fine del !!!! Camozzi fu uno degli internati in questi "campi speciali" , e ci spiega cosa accadde in quei tristi giorni.. Uno dei tanti episodi pressochè sconosciuti ai più: un caporale paracadutista che inforca il volante di un camion e attraversa una zona minata per tracciare un pista ai suoi camerati che insieme a lui premevano per andare in prima linea.

Un racconto di Emilio Camozzi ci aiuta a capire meglio cosa vuol dire stare "in buca" nel deserto e non bere per giornate intere. Rileggere le motivazioni delle Medaglie d'Oro al valor militare di El Alamein provoca ancora profonda commozione ed ammirazione nei confronti di quei Leoni. Abbiamo voluto ripubblicarle in questa zona del sito,a disposizione di tutti i paracadutisti di oggi Una impresa " da pazzi e poeti" , quella di Renzo Di Bert,conosciuto e roccioso maresciallo del mo, artificiere ora in Congedo,che con un manipolo di soci ANPDI è stato quattro giorni nel deserto di El Alamein.

Leggete il racconto per capire che non ha trovato solo oggetti da restituire Ci scrive il Presidente della Sezione di Poggio Rusco, riferendosi all'aggettivo "tradimento" da noi usato per descrivere il turbolento periodo del settembre'43,introducendo una commovente poesia di una poetessa mantovana, da lui inviataci.

Ecco la sua lettera , che pubblichiamo con piacere Dopo molte insistenze siamo abituati alla ritrosia nel far conoscere le loro storie personali abbiamo ottenuto da un Leone della Folgore,Glauco Vigentini,nella foto,il racconto dettagliato della "storia dei braccialetti". Oggetti confezionati dai Paracadutisti della Folgore durante la prigionia nel P.

Un espediente geniale per migliorare le pessime condizioni di vita nel campo di prigionia inglese. I risvolti del racconto, ancora una volta,mi fanno capire che il Paracadutista della Folgore di quel tempo era una persona speciale.

Uno di questi braccialetti è stato donato al Museo dei Paracadutisti il 15 Marzo giorno dell'arrivo della Staffetta per gli Eroi alla Gamerra. Di un altro Ve ne mostriamo le immagini in questo articolo. Il servizio ed il racconto del 15 Marzo a Pisa ,fatto da un altro Reduce ,lo potete leggere qualche articolo più sotto. Clikkate sul titolo giallo per leggere il racconto del par.

Glauco Vigentini.. Vi segnaliamo un Museo virtuale dell'Esercito Italiano che dedica belle pagine alla Battaglia di El Alamein: da visitare.

Documenti inediti. Anche questa è storia del paracadutismo italiano. La fase dei primi timidi tentativi di trasformare il paracadutismo militare in una disciplina sportiva.

Siamo nel ,ci si lanciava con materiali militari modificati,e senza emergenza! Pensate allo spirito di quei pionieri; traspare senza ombra di dubbi lo stesso slancio che solo pochi anni prima avevano mostrato con le stellette sulla divisa. Erano i Paracadutisti d'Italia. E attenti alla quota minima di apertura!!!! Una vera chicca. Leggendolo ci ricordiamo , e Vi ricordiamo, che ogni anno al Verano , la domenica più vicina al 1 Giugno si celebra l'Onore di coloro che caddero per la difesa dagli "alleati" in arrivo in Italia dopo il tradimento savoia.

Pubblicheremo per tempo ,come sempre, il programma Episodi di cui parla l'intervistato. Ogni anno incontriamo i Reduci della Folgore Rsi, che ancora a petto in fuori e testa alta ci spiegano cosa vuol dire l'Onore di Soldati.

Ogni anno parliamo delle stragi di civili e della meschina vigliaccheria di certi banditi nascosti in comodi rifugi ,che mangiavano e brindavano alla "vittoria" a spese dei contadini, dopo aver abbandonato alle ortiche la Uniforme che indossavano.

Ogni anno parliamo con coloro che, da Coltano al Texas, hanno versato sino all'ultima stilla di Sangue per il loro Ideale,prigionieri maltrattati dei "liberatori". Niente da dire. La Storia li ha premiati con l'Onore,il Rispetto e la Considerazione dei loro successori con il gladio e paracadute. Viva i Paracadutisti della Difesa di Roma! Definita dallo scrittore Nino Arena "la musa padana" , la poetessa Lia Pinotti è legata ai Paracadutisti da sentimenti di stima ed affetto.

Ecco una poesia che narra le gesta di quegli Arditi dell'aria che, dopo il tradimento , decisero di collaborare con gli "alleati". Niente da dire sul loro genuino slancio e sul loro ardimento. Gli abbiamo chiesto di ricordare i Caduti sul campo di lancio e segnalarci i suoi Camerati viventi. Insieme ai due scritti che ci parlano dei Suoi Camerati, gli abbiamo "rubato" alcune immagini inedite.

Clikkate sul titolo giallo per vedere il servizio. Sul camper di appoggio logistico, i Paracadutisti di Roma dicevano: " ma siamo prorpio matti a farci kilometri di corsa Si siamo proprio matti.

Questa è la differanza tra dire e fare. La cronaca dell'impresa dei paracadutisti di Parma sulla strada verso Pisa Un oggetto ricco di significato. Guardatevi le immagini.

Menu di navigazione

Una promessa mantenuta dal Presidente Nazionale Anpdi gen. Il 15 Marzo a Pisa. Fioravanti,un braccialetto. Con una storia particolare e commovente, che arriva dalla prigionia in Egitto dopo El Alamein.

Abbiamo vissuto un momento storico, Sabato 15 Marzo Per non dimenticarlo vogliamo conservare le immagini e le parole in questa zona del sito. Quasi tutte le foto di questa striscia provengono dallo Studio Fotografico CA. PAR,grazie alla autorizzazione del Comandante,Col. Alcune "in esterna" sono state fatte dal webmaster e da paracadutisti che le hanno volentieri cedute alla Rubrica. Con questa pubblicazione tributiamo un ulteriore doveroso omaggio ai nostri Reduci e regalaliamo le immagini di quel giorno indimenticabile ai nostri visitatori, che ricorderanno con noi questa impresa.

Il nostro sogno era di accendere, dopo 60 anni,le fiaccole nei luoghi dove una generazione di Forti si è consumata e trasferirla,di corsa lungo la penisola, notte e giorno senza sosta fino a Pisa, attuale sede della Scuola Militare di Paracadutismo. Il nostro mondo è fatto di simboli ed Ideali. A qualunque costo.

Canto della Russia Bianca

Contro ogni pigrizia e calcolo personale. Un toccante articolo che parla della scomparsa,in Febbraio , di un Nostro Folgorino e ricorda tutti gli altri con commossa ammirazione.

Pubblichiamo qui sotto gli indirizzi utili per contattare il Monastero di Santa Gemma patrona dei paracadutisti e nella striscia sottostante l'intero programma di celebrazioni del Clikkate sul titolo per leggere tutto il Calendario. Vi invio una poesia scritta da una sincera ed appassionata amica della Folgore e dei Paracadutisti: Laura Pinotti.

Il Suo contributo poetico è stato apprezzato dai molti che in Brigata l'hanno letto , inclusi i Vertici. Roma ci manda alcuni links che riguardano gli Alpini di Nikolajewka. Sono entrati nella Storia dell'Onore di Combattenti per il loro sacrificio. Indimenticabile esempio,insieme alla Divisione Monterosa della Rsi Ecco la piastrina del paracadutista Ventriglia, El Alamein, di cui parliamo qui sotto.

Non chiedeteci perchè non è apparsa nel corpo dell'articolo sottostante Stiamo torturando il nostro software-man per saperlo anche noi. Voi,nel frattempo, leggetevi il pezzo "a puntate". Con l'omino del software facciamo i conti noi. Una bella storia di una piastrina di riconoscimento ritrovata ad El Alamein. Il Figlio del Generale Rommel se ne occupato personalmente.

Silenzioso e quasi scostante. Poi, ad El Alamein, sul Sagrato Lavoro difficile , il mio: quello di dedicare ad ognuno dei "miei Leoni" uno spazio ,uno scritto ed una breve storia.

Mi dicono sempre :-" no, non sono un protagonista. Parla di tutti, non solo di me. Non merito questo". Di altri le fotografie che parlano di loro. Li voglio qui con me, sul nostro sito. Una vera roccia. Dopo avere ricevuto alcune lettere di ringraziamento da parte di un "Leone" della Folgore che ho avuto l'onore di accompagnare sul Pulman verso Roma e poi El Alamein,ho chiesto, ed ottenuto da Bruno come mi ha autorizzato a chiamarlo un punto di vista sulla "sua" battaglia.

Clikkando sul titolo potrete leggerlo. Un attivo Gruppo Filatelico Folgore, con sede a Roma ha addirittura patrocinato emissioni filateliche, mentre da un diario dei Dialoghi di Santa gemma abbiamo stralciato due pagine dove il Confessore della Santa parla con un interlocutore e usa le frasi della Santa per descrivere la Specialità.

Sul sito www. In altre parole attuano il più elementare processo stalinista rieccolo!! Gli argomenti sono gli stessi, cambiano si nomi. Sempre parlano della battaglia persa di Merlino e di altri fatti ormai vecchi ed ammuffiti ma preziosi per loro. Noi abbiamo la ricetta, ma non ci sporchiamo le mani Loro producono da 4 anni solo risultati effimeri e poco duraturi. Noi, invece, abbiamo ben chiara sia la situazione che la soluzione Noi, da questa tastiera-sala-di-regia sappiamo come fare, cosa dire, cosa non dire e come azzittire i comunisti.

Innanzitutto cercando di calunniarli insinuando dubbi infamanti.. Fine del pensiero di questi due dotti anonimi. Come vedete c'e' materia per altri tipi di studiosi, altro che storici!! Connect consente di interagire direttamente con i musicisti, con messaggi, foto video e playlist.

Ultima è Musica , che permette di ascoltare brani e playlist presenti su iPhone, iPad e Mac: come prima, ma con una grafica migliorata. La qualità audio è molto buona, senza interruzioni nè incertezze, ma non è il massimo attualmente sul mercato, e ad esempio Deezer Elite offre un suono migliore. Apple punta molto sul fatto che le playlist con i suggerimenti sono curate da una redazione interna, e in effetti la scelta è spesso ammirevole per attenzione alle nicchie anche minime, per la puntualità con cui vengono proposti i grandi classici e per le tante introduzioni ad artisti poco noti.

Poi, certo, non tutto è perfetto: sicuro che Waterloo degli Abba sia da ricordare tra i capisaldi della musica industriale, tra Joy Division e Kraftwerk?

Menu Top News. Aggiornato alle - 16 ottobre.


Ultimi articoli